lunedì 29 dicembre 2014

Lista #13 - Libri da leggere assolutamente

Siccome gran parte delle festività le passo a casa con la mia famiglia, e siccome la casa della mia famiglia è un casermone/ripostiglio stipato di vecchi ricordi, una delle mie attività preferite quando mi trovo al paesello (a parte indossare maglioni anni 90 che recupero nel ripostiglio, dormire con il gatto, mangiare ininterrottamente) è quella di riordinare i ripostigli/armadi/librerie. Sistematizzare e razionalizzare mi rilassa -a volte- quanto fare liste, tanto che nel giro di un pomeriggio posso spostare i libri in 3 diverse stanze e poi collocarli nel corridoio. Comunque tutto questo lavoro serve a riscoprire titoli nuovi e vecchi, piò o meno recenti.
Come al solito la lista non è una recensione ma un parere/gusto personalissimo.
Detto questo ecco una mini lista di libri, in ordine sparso, che ho apprezzato molto e che mi sono passati tra le mani (o tra i pensieri) i giorni scorsi..

L'eleganza del riccio - Muriel Barbery
Terra! - Stefano Benni

 Il signore degli anelli - J. R. R. Tolkien
(Se invece volete andare a vedere il terzo episodio de Lo Hobbit al cinema lasciate stare, vi basta il trailer)

Armi, acciaio e malattie - Jared Diamond

Solaris - Stanislaw Lem

Se una notte d'inverno un viaggiatore - Italo Calvino

Il segreto del bosco vecchio - Dino Buzzati

Alle 7 del mattino il mondo è ancora in ordine - Eric Malpass

I vagabondi del Dharma - Jack Kerouac

Seminario sulla gioventù - Aldo Busi

 ...potrebbe continuare...

domenica 28 dicembre 2014

Lista #12 - Cose da non fare MAI

Ci sono alcune cose che secondo me non andrebbero fatte anche quando ci raccontano che è buona norma farlo.
Alcune cose sono secondo me molto femminili, frutto delle dinamiche e del ruolo che volenti o nolenti, coscenti o meno ci ritagliano/ritagliamo  nella società.

Chiedere scusa. 
Per tutto. Sempre. Ecco, non c'è bisogno. Liberiamoci del senso di colpa. Se per sbaglio o volontariamente ti do un calcione allo stinco e me ne pento o mi sento in colpa va bene chiedere scusa. Ma poi se non faccio quello che ti aspetti non c'è bisogno, è un mio diritto non sentirmi in colpa per qualcosa di cui non sono la causa. 

Fare le cose che potrebbero/dovrebbero fare altri
Lo so la donna, alcune donne, sono efficienti, hanno senso pratico ma smettiamo queste idee di grandezza e lasciamo spazio agli altri. Dal fidanzato/marito/compagno alla collega pigra o "incapace". Anche se non confidiamo nella buona riuscita, rimangiamoci le critiche, i "lo sapevo", lasciamoli provare, sbagliare e imparare. Un conto è aiutare un altro è sostituirsi.

Criticare perfidamente a gratis
La critica o è costruttiva o si ingoia.


sabato 27 dicembre 2014

Lista #11 - Cose da fare ogni tanto

Tra le cose da fare ogni tanto ci sono:

l'applicazione della modalità protettiva menefreghismo 
Le cose bruttarelle facciamocele scivolare addosso, serve solo un pò di pratica per diventare bravi.

la ceretta/depilazione/epilazione.
Son una sostenitrice della ceretta ma solo fai da te. A me eliminare i peli dalle mie ascelle piace. Mi concentro e non penso ad altro e dopo sono pure più forte (mentre a sansone se gli tagliavi i capelli ohi il dramma). Però non sempre...

dormire col gatto
Soprattutto in inverno, soprattutto se siamo tristi, soprattutto se non siamo allergici, lo scaldotto di vero pelo può essere un toccasana ma meglio non esagerare.

venerdì 26 dicembre 2014

Lista #10 - Il classico: film da vedere

Chi non ha mai fatto almeno una lista piccolina di film da vedere? Nel mio quadernetto gatto (di cui un giorno racconterò la storia, anche se nessuno me lo ha chiesto), c'è un bell'elenco di film. Incompleto ovviamente perchè ogni volta lo inizio in un posto diverso. 


Alcuni li ho visti, altri no. 
Alcuni meritano di essere rivisti, altri non troppo, ma sono i miei gusti e non starò ad elencare consigli!

giovedì 25 dicembre 2014

Lista #9 - Cose da fare tutti i giorni

Attenzione: lista cortissima (bastano pochi accorgimenti per essere felici anche a Natale)
Lavarsi!
A pezzi o interi, in doccia o in vasca, laviamoci!
Io la mattina vorrei avere la forza di V di infilarmi nel teporino della doccia e lasciarlo in 10 minuti 10 e poi uscire. Io non ce la faccio. La mattina sono sempre in ritardo, ho sonno, in inverno mi fa freddo spogliarmi, e i miei capelli non asciugano mai. Così in genere mi faccio la doccia la sera/notte, dopo aver fatto 40 gradi di temperatura con la stufa e la nebbia da bagno turco.
La mattina mi lavo a pezzi, ci impiego il doppio del tempo, il risultato è pessimo ma posso scoprire un pezzo alla volta. Il lavaggio dei gatti direbbe mia madre.
Però laviamoci per il piacere di farlo e non per convenzione sociale!
In erasmus ho conosciuto uno che si faceva la doccia una volta a settimana. Diceva non gli faceva bene lavarsi, aveva la pelle delicata. Non era profumatissimo ma neppure cosi fetido, del resto se il nostro odore non fa schifo a noi...

Ridere.
Il sorriso è contagioso ma la risata è liberatoria. Il buffone che è dentro di me mi racconta cose e io cerco di ridere spesso, anche da sola, anche quando non ne ho voglia. Il buffone che è dentro di me racconta cose quando l'aria si scalda e vuole sdrammatizzare. Non è che mi capiscono tutti, ma io i conflitti sterili proprio non li sopporto.

Per il resto come diceva Sant'Agostino
Ama, e fai ciò che vuoi
oppure
come diceva un mio ex coinquilino
fai un po' come cazzo te pare



mercoledì 24 dicembre 2014

Lista #8 - Cosa non può mancare nella (mia) borsa

Le chiavi di casa
il borsellino
il telefono + accessori (caricabatterie, cuffie..)

Questo sarebbe proprio il necessario, quello che prima di uscire controllo di avere.
Ma se fosse realmente così allora non avrei una borsa alla Mary Poppins.
Cosa porto regolarmente nella mia borsa a parte, chiavi, telefono e borsellino?

-un mini beauty d'emergenza (il contenuto è qui)
-sigarette + accendino (se non fumassi porterei comunque un accendino)
-gomme da masticare (perchè se fumi ti servono)
-una o due agende/quaderni con penna e matita
-una cartella di documenti e stampe
-qualcosa da mangiare (i crackers no che si riducono a pane grattugiato, meglio una mela o, da consumarsi in giornata sennò si ammacca, una banana, ma anche una brioche che schiacciata è più buona)
-1/2 litro d'acqua (ma non sempre)
-qualcosa da leggere (ma non sempre)
-una marea di fazzoletti sporchi, scontrini spiegazzati, biglietti degli autobus usati
-un campioncino di cotone azzurro (ma solo ultimamente)
-la maglia (ma solo ultimamente)

Ps: come già scritto qualche post fa oggi non è realmente la data che compare a fianco al titolo. Sto recuperando in un giorno solo una cosa come una decina di post arretrati. Perchè a volte sono un po' maniacale e mi piacciono le simmetrie, l'ordine ecc ecc. 
In ogni caso, anche se oggi non è la vigilia e domani non è Natale, dovrei augurare buone feste, ma siccome come già detto la data è falasa non lo farò (potendo datare i post come mi pare e modificarli quando mi pare potrebbero, prima o dopo, comparire auguri, stelline, renne  ma non succederà a breve...)

martedì 23 dicembre 2014

Lista #7 - kit da viaggio indispensabile

Assieme alla valigia c'è un accessorio indispensabile che è il beauty case. Se ridotto ai minimi termini te lo porti in giro pure tutti i giorni che non si sa mai. L'accessorio è quasi esclusivamente femminile, gli uomini, i maschi, si sa, hanno bisogno di due tasche: una per il portafogli e una per il telefono (le cui dimensioni stanno però crescendo inesorabilmente...)

Da cosa è composto un mini beauty?
  • assorbenti di varia foggia e misura (per te e le amiche che dimenticano le date fondamentali...)
  • spazzolino e dentifricio (ma dovrebbero inventare un mini lavandino gonfiabile...)
  • cerotti
  • lavamani in gel (mi piace averlo ma non lo uso mai mai, lo porto con me pensando che un giorno lo userò...)
  • cremina/stick labbra (estate e inverno, sia con il caldo che con il freddo ma soprattutto con il vento ne ho bisogno)
  • specchietto (non è indispensabile ma può servire...)

Questo è mio personale ma se volete un ispirazione più completa che riguarda tutta la borsa guardate qua sotto:

fonte: http://www.sporablog.com

lunedì 22 dicembre 2014

Lista #6 - La lista nera delle persone da evitare

E' un periodo un pò così, sarà il ciclo, saranno la pioggia e le giornate più corte (che però ricominciano ad allungarsi) ma sono tesa e insofferente. Mi capita. Mi capita anche di incontrare e (dover) frequentare persone che invece eviterei. Lo sento subito e difficilmente cambia la mia sensazione nel tempo. Nonostante a volte non si possa evitare una seppur sporadica frequentazione io suggerisco di mandarle a f in c immediatamente e togliersi il pensiero. Si risparmiera così molto tempo e alcuni mal di stomaco.
Le categorie sono tante, alcune convivono nello stesso corpo e la lista potrebbe allungarsi all'infinito, capita un po' a tutti di essere così o cosà, se sono momenti ok, se no evitiamo(ci)
  • quelli che si lamento sempre e comunque. Sia chiaro una sana lamentela è umana ma che non ci sia altro in quella testa... (sono esclusi i vecchietti e i loro acciacchi, a loro è permesso!)
  • quelli che passano dalla vittima al carnefice, dalle lacrime a spararti merda addosso perchè non ottengono quello che vogliono
  • quelli che "io non credo" e mettono in dubbio pure che da te ha piovuto pur soggiornando dall'altra parte del globo
  • quelli che sottolineano troppo il loro titolo di studio, il loro lavoro, la loro importanza, il loro potere, il loro sapere
  • quelli che "faccio io" e poi ti mollano la patata bollente all'ultimo minuto
  • quelli che non riescono, proprio non ce la fanno, a prendersi le proprie responsabilità, a capire che ad azione corrisponde reazione
  • quelli che pubblicano frasi demolitorie su fb pensando che gli stronzi sono sempre gli altri
  • i bugiardi, quelli patologici (le bugie simpatiche e creative non contano)
  • quelli che vogliono, devono, ti fanno sempre sentire in colpa
  • quelli che si "appiovrano" e non ti mollano
  • quelli che dimenticano (e non sto parlando di anniversari, quelli non li ricordo neppure io) 
  • gli stupidi (nel senso del saggio di Carlo M. Cipolla, librino divertente ma riflessivo che consiglio tantissimo e che mi ha fatto scoprire a che categoria di stupidi appartengo :-O)
Infine questi è un promemoria dei possibili stronzi ma per citare Paolo Rossi "se nessuno fa lo stronzo con te, fai tu lo stronzo con qualcuno" (in sostanza è più divertente).

domenica 21 dicembre 2014

Lista #5 - La lista di liste

La lista di liste è come la busta di buste: quando ne hai tante cominci a metterle una dentro l'altra, o molte dentro una grande...
La lista di liste serve a catalogare le liste, a suddividere le necessità e ad assegnare le priorità.
Un esempio di lista di liste è questa:

-chiamare:
  • amministratore di condominio
  • padrone di casa
  • segretaria ufficio A
  • segretaria ufficio B
  • Mamma
-fare:
  • lavare piatti
  • ceretta baffi
  • pulire bagno
  • pagare bolletta
  • spesa*
*comprare:
  • uova
  • farina
  • vino
  • frutta: mele e banane
  • carne: pollo, vitello per carpaccio
  • verdure: patate (che non sono una verdura ma poi diventa complicato)
  • pane
Ora una lista di liste così fa presumere che per portare a termine tutto serva un intervallo di tempo più lungo di una giornata lavorativa e in genere dopo aver assegnato le priorità molte cose verranno fatte nei giorni successivi alla compilazione. In generale ogni cosa avrà una scadenza, un termine tipo "entro questa settimana" o "entro domani" ecc.
Il motivo per cui una cosa così impegnativa da scrivere dovrebbe semplificarci la vita è per me scontato: io potrei dimenticarmi tutto. Uscire con i baffi, trovare il frigo vuoto e ricorrere ad una pizza, schifare il mio bagno, finire le stoviglie e via dicendo.
Perchè oltre le cose in lista devo fare altro ma sopratutto quando soggiorno al nord uso mediamente 2 ore al giorno per spostarmi con i mezzi pubblici e provate voi a togliervi il baffo mentre pogate da sedute su strade sconnesse. Due ore al giorno si suddividono in mezzora per ciascuna camminata casa-stazione e stazione-casa, più le due mezzore a bordo (quando gli autobus sono puntuali). Durante la camminata posso fare al limite le telefonate e sull'autobus in genere prendo appunti. Ho provato a prendere appunti mentre cammino ma boh... e se faccio telefonate in autobus normalmente l'autista mi cazzia e non per scherzo :-O

Anche questo blog è supportato da una lista di liste e infatti se già dal primo giorno non avessi preso un pò di appunti e fatto una lista di post in cui si parla di liste non potrei riempire il vuoto di questi 10 giorni (eh si in realtà oggi è 30....)!



sabato 20 dicembre 2014

Lista #4 - Le ricette sotto forma di lista di ingredienti

Spesso mi appunto ricette che mi piacciono. Normalmente lo faccio dopo averle provate, a volte prima. Mai prendo appunti sullo svolgimento. Scrivo solo gli ingredienti e al limite i gradi per la cottura. Per il resto vado a naso, oppure cerco nuovamente la fonte e controllo le istruzioni.


Se però siete  gente precisa vi consiglio il blog di Dario Bressanini che essendo un chimico va decisamente a fondo studiando lo svolgimento di una ricetta. La suor Germana 3.0 in pratica!
Scherzo naturalmente, in realtà Bressanini è molto di più, analizza, approfondisce, racconta la storia di strumenti e ricette e diciamo che spinge a riflettere!


venerdì 19 dicembre 2014

Lista #3 - Serie televisive da vedere

Le serie Tv sono una delle mie droghe. Spesso quando ne inizio una finchè non arrivo alla fine non riesco a smettere, per questo consiglierei di vedere solo quelle già complete che hanno già la parola fine:
Breaking bad
Dexter
The killing versione americana
 Olive Kitteridge

Tra quelle non complete però vale la pena lanciarsi su:

The leftovers
House of cards
The good wife
Salem


....potrebbe continuare...

giovedì 18 dicembre 2014

Lista #2 - Cosa seminare a dicembre

Non c'è bisogno di avere un pezzo di terra per seminare. Basta un balcone e a volte anche qualche vaso su un davanzale. Sopratutto per gli ortaggi. 

Quindi se volete mettere alla prova il pollice verde e provare a farvi qualcosa da mangiare ecco cosa potete piantare.
Carote*
Cicoria
Cipolle*
Lattughe
Piselli
Ravanelli
Spinaci

* in vaso: sceglietelo ampio e date spazio per lo sviluppo della parte sotterranea: le carote se piantate vicine vicine rimangono piccole ma son buone ugualmente!!!

Se poi volete un calendario con il promemoria delle cose da piantare tutti i mesi consiglio quello di greenme qui.



mercoledì 17 dicembre 2014

Non sono una blogger ma ho un nuovo blog

Questo blog è nato come diario di pensieri, poi però non sapevo cosa scrivere così è diventato luogo di condivisione di lavoretti: dalle prove di cose fatte da altri (per sondare la facilità e la fattibilità con pochi strumenti "casalinghi") sono passata a fare sopratutto cose mie, cose più o meno utili che non c'è sempre bisogno di comprare e per le quali si possono utilizzare oggetti o materiali di scarto. L'obiettivo era quello di realizzare una raccolta ragionata e nel frattempo liberare dalla prigionia del ripostiglio cose in disuso. Presa dall'entusiasmo ho pubblicato spesso (anche tutti i giorni) per un periodo abbastanza lungo. Ultimamente lo faccio meno: di media 12 post al mese l'anno scorso Vs 3 post al mese nell'ultimo anno.

Il nome che ha è perchè mi piacciono i gatti (non ci voleva molto a capirlo) e perchè i gatti sono esseri saggi che sanno quando levarsi dalle scatole e che vedono bene le cose in movimento ma non troppo le cose immobili.
Poi mi piaceva l'idea di un disegno di un gatto con un violoncello su un tetto stile Mary Poppins (il tetto in stile M.P. non il gatto, il gatto lo vedevo più Steinlen, quello di Le Chat Noir...) e una cosa simile l'ho avuta per un pò nel titolo disegnata (male) da me con Paint.

Comunque avevo voglia di fare un altro blog, con altro nome, con contenuti e aspetto diverso. Poi mi son chiesta: e che ci scrivo nel nuovo blog? Così ho cambiato qualcosa nell'aspetto di questo...

Però ho pensato ad una cosa da scema che mi piace fare: le liste. Quindi ho fatto un nuovo blog dove pubblico solo liste, una lista al giorno toglie l'esaurimento di torno (forse, ma forse no). Una cosa così inutile (le liste inevitabilmente si perdono o si scordano quando servono e si ritrovano solo quando ormai non servono più) eppure così piacevole!
Quindi se avete tempo da perdere o bisogno di una lista ispiratevi pure qui

Lista #1 - Cose da portare in un viaggio breve

Come tutti faccio le liste. Di cose da fare, di posti dove andare, di persone a cui telefonare, di mail a cui rispondere, di cose da pagare e di cose da acquistare.
Lo faccio più per mania che che per utilità e poi infatti le dimentico come gli schemini del cucito e quando le ritrovo le conservo come cimeli, non riesco più a separarmene.
Il motivo per cui le faccio è perchè mi tranquillizzano. Per me la lista è terapeutica. Se sento che sto perdendo il controllo, se sento il fiato del tempo sul collo che scorre via veloce allora scrivo un elenco, di cose da fare per esempio, e così riesco a procedere più serenamente.
Le faccio mentalmente, sul computer ma sopratutto su quaderni e pezzetti di carta. Le mie preferite sono a fumetti, sono più impegnative da fare ma danno più soddisfazioni ;-P

Per iniziare ho scelto un elenco di cose per un viaggio breve, credo sia abbastanza comprensibile ma comunque:
-macchina fotografica + batterie + caricabatterie
-telefono + caricabatterie
-spazzolino, spazzola per capelli, sciarpa
-pantaloni, gonna, stivali, ballerine, maglioni, magliette
-libri
-mutande, reggiseni, calzini (quantità variabili)
-orecchini, collane (quantità variabili)
-un cappotto a scelta

Attenzione, quella che potrebbe sembrare una data non lo è (da una riflessione ragionata la lista potrebbe essere un cimelio del 2009, febbraio per la precisione) ma siete comunque liberi di giocarvi al lotto la combinazione misteriosa :-D

martedì 16 dicembre 2014

Cose dell'altro mondo: la cazza ladra

La cazza ladra è il soprannome che gentilmente mi ha dato un amico perchè ho l'abitudine di raccogliere oggetti perduti, al chiuso e all'aperto, e farli miei nel mio nido di accumuli. La cazza ladra, negli anni, ha fatto sue: sciarpe e pashmine, collane e bracciali, un reggiseno (caduto dall'ultimo piano direttamente sui fili per stendere, so che in molti non approverebbero per igiene, schizzinoseria ecc ma non solo era della mia taglia mi stava perfetto :DDD), un paio di adidas da Cenerentola in un parcheggio (ho il piede piccolo posso competere con chiunque), un paio di guanti di lana Moschino e molto altro...
La cazza ladra racatta, accumula e utilizza cose, ma nel periodo in cui sto cercando di ridurre all'indispensabile, mentre sono in corso azioni di decluttering, sistematizzazione, ottimizzazione, razionalizzazione dei beni semplicemente non sta bene farlo.
L'indispensabile è tra l'altro una quantità variabilissima e dipende dal soggetto: la mia quantità indispensabile è molto più moderata che per altri e sarà sicuramente superiore ad altri ancora. Per intenderci il mio livello di indispensabile può essere paragonato alle cose che starebbero in una valigia per un viaggio breve: 2/3 pantaloni fedeli, 2/3 gonne e uno o due vestiti forse, maglie magliette maglioni cardigan secondo stagione, 2/3 paia di scarpe per l'inverno, 2 paia di sandali per l'estate.. Tutto questo starebbe in metà armadio!
Trovati per strada: foto 1 guanti con fiori ricamati, foto 2 cuffia grigia
(tenete gli occhi aperti: per strada si trovano cose interessanti!)

lunedì 15 dicembre 2014

Fai da te: cose nuove... per Natale

Al mercato del giovedì con 15 euro si prendono 5 scampoli di tessuto medi (almeno 1,5 m), più un pezzetto di campionario a fiori veramente carino.
Con 3 di questi più il campionario si possono fare:
una pochette
Le pochette sono la mia fissazione, le uso per contenere i miliardi di cose dentro la borsa e come beauty case. Nell'ultimo anno ne ho fatte tante di dimensioni diverse quasi sempre con una o due taschine esterne.

mercoledì 26 novembre 2014

Maglia ai ferri: per Natale regalate(vi) una sciarpa

Ieri ho comprato 4 gomitoli di una lana bellissima e ho iniziato una sciarpa... All'inizio ho cercato dei tutorial per aiutarmi a ricordare come si infilasse la prima serie di punti...

lunedì 24 novembre 2014

Deumidificatore... serio questa volta!

Attenzione! Scrivo questo post per condividere l'esperienza in una casa umida e non per fare pubblicità ad una marca di elettrodomestici!

Nei periodi più freddi -e umidi- scatta la chiave di ricerca deumidificatore che, tra tutti i post che ho scritto, rimane sempre in pole position. Anche in estate la parola deumidificatori va forte ma un pò meno perchè il sole asciuga più delle stufe e degli aggeggi con i sali e dei deumidificatori seri quelli elettrici. Non so quanto possa essere utile quel post di deumidificatore fai da te infatti ne avevo scritto un altro sui livelli di comfort e piccoli accorgimenti. In casetta mia, con il parquet che si ribella alle prime piogge, il deumidificatore fai da te non ha avuto chissà quale effetto: ogni stagione umida mettiamo di nuovo i pali tipo lap dance nell'ingresso per tenere il pavimento al suo posto.

mercoledì 19 novembre 2014

Un grembiule dal riciclo di una T-shirt

Cosa ho combinato in quest'ultimo mese?
Un sacco di cose ma anche niente!
Ora sono di ritorno da Roma dove la mia nonnetta di quasi 92 anni è andata a vivere con mia zia..
Di passaggio nella grande casa al paesello ho deciso che potevo mettere un pò d'ordine e stabilire alcune priorità di lavoretti alla macchina da cucire.
Piega-ritira-cuci-scuci-ricuci ecco una t-shirt adolescenziale vecchiotta&macchiata ma ancora volenterosa ;-P
Quando l'ho vista mi è venuta voglia di provare un progettino mini semplice semplice di costruzione di un grembiule di riciclo solo con taglio e senza cuciture.
Ecco le fasi:
 Per farlo avete bisogno di una t-shirt ampia preferibilmente con le maniche raglan cucite come questa (è più facile tagliare perchè bisogna solo seguire le cuciture) e di un paio di forbici da sarto che taglino agevolmente senza "scalini".

sabato 11 ottobre 2014

Cucinando: 3 piatti semplici vegetariani



Questa quasi settima tutta per me è in realtà, nella mia fase da casalinga, dedicata a V♥. Decido cosa cucinare il pomeriggio, mentre lui è al lavoro, mentre leggo storie altrui e lascio svolazzare la mia testa su cose mie, controllo le ricette su infernè, le re-invento e a cena può capitare che faccio almeno tre piatti (io sono quasi sempre da piatto unico). Quello che mi fa più fantasia sono le verdure ed ecco la cenona di ieri (facilmente replicabile anche perchè si possono preparare con un pò di anticipo)








venerdì 10 ottobre 2014

Cose dell'altro mondo: i boyfriend jeans

-Ruberie d'autunno ovvero la base del riuso-

I boyfriend jeans sembrano rubati dall'armadio del fido fidanzato ma no, non è per niente così, ammenoccchè... non siate come me ed esplorando gli altrui spazi vi impossessate di qualsiasi cosa come orchi famelici :-DDD
Tutto per dire che prima di acquistare un paio di jeans con il tessuto macinato, con la vita stretta e alta ma sopratutto con dei bei tasconi che neppure la maxiborsa che vi portate dietro ha tutto quello spazio, controllate cosa c'è nell'armadio...
Io ne ho recuperati due, V♥ non li usava da un pò e oppetè eccoli saltare da un triste destino al buio di un armadio verso mille avventure con me :-O


giovedì 9 ottobre 2014

Schiocchezze d'autunno..

Raramente programmo i post. L'idea del momento, la riuscita di un piccolo progetto di cucito o di riciclo mi spingono a scrivere. Quindi se non ho niente da mostrare in genere non scrivo. E se non ho tempo per riflettere non produco niente da mostrare. A volte ho tempo ma non produco lo stesso, il tempo lo passo a leggere altri blog e normalmente mi incanto sulle immagini o sulle storie personali. Ultimamente mi incanto anche su blog in tutto e per tutto dedicati all'abbigliamento oppure quelli di arredamento di interni.
Così anche io faccio gli abbinamenti, progetto mobili e faccio piantine per sistemarli nei miei spazi.
So che è una fase di passaggio e per ora, in questa quasi settimana tutta per me solo per me, la prendo così com'è e me la godo ;-P

Per la cronaca qualchè link:

http://www.sporablog.com/

http://wasted-hours.fr/

http://www.fantasticfrank.se/

http://www.casachaucha.com.ar/

sabato 6 settembre 2014

Inconsapevolmente coordinati

Non sono un'estimatrice dei coordinati, uso le lenzuola, la biancheria e i piatti spaiati e riassortiti e questa è una pura coincidenza (esistono le coincidenze??).
Il fatto è che questa borsa a sacchetto l'avevo cucita imbastita tempo prima di avere la macchina per cucire ed era finita, come spesso accade, nel mucchio di cose da finire. Poi il tempo è passato e la borsa è spuntata fuori -cercando qualcos'altro- qualche giorno fa. Il caso ha voluto che fosse li in bella vista anche il tessuto senegalese, ormai giunto alla fine, e che per la seconda volta nel giro di alcuni mesi la mia testa dicesse 'ma guarda un pò come stanno bene queste due stoffe messe vicine'.
Da li è nata la fodera interna con taschina, e solo quando ho messo le cose nella borsa mi sono resa conto che l'esterno è la stessa stoffa usata per il borsellino :-O
Morale un coordinato borsa a sacchetto + borsellino che mai mi sarei sognata :-DDD



lunedì 1 settembre 2014

Vecchi modelli e nuove versioni

"Sprecare filo" è una delle cose più divertenti che si possano fare con la macchina da cucire. I risultati possono essere complessi, delicati o casuali collage.
Nel mio caso non c'è niente di complesso ma solo dei ritagli -venuti fuori da una modifica di un vestito- ulteriormente ri-ritagliati e usati per decorare una serie di borse e borsettine utilizzando le stesse stoffe di base usate per questo.

mercoledì 27 agosto 2014

Porta-collane da tavolo

Sempre in tema di centrini all'uncinetto e anelli da ricamo un accessorio da tavolo per le collane (visto che normalmente mi si annodano in un cesto...)

I fori dell'uncinetto si sfruttano in modo simile che con gli orecchini: lasciando pendere sul retro parte della collana :-D

Buon Riciclo
e
Buon Riordino

martedì 19 agosto 2014

Il mio primo cestino

Mia nonna quest'anno si è trasferita a Roma, tempo fa aveva iniziato ad insegnarmi la tecnica per fare i cestini con rafia e fascetti di erba palustre ("s'aedda").
La tecnica è solo a prima vista semplice: non è facile tenere la rafia piatta e non trasformarla in un filo mentre la si avvolge attorno al fascetto di fibre con l'ausilio di un ago da lana.
In realtà questo cestino non è tutto mio visto che quasi tutto il fondo lo fece mia nonna, ma ho pensato che sarebbe stato carino finire quelli che lei aveva iniziato :-D
La differenza nella finezza del punto si nota tutta ma spero con il tempo e con l'esercizio di migliorare!

lunedì 18 agosto 2014

Vuoi vedere la mia collezione di farfalle???

C'era una volta un bar a Barcellona che si chiamava Bosc de les Fades. Si trovava all'interno del museo delle cere e al suo ingresso c'era una teca con una collezione di farfalle origami... E forse è questo ricordo assieme all'animo entomologo-animalista che mi ha ispirato questi quadretti. In più durante i laboratori con i bambini ho scoperto che moltissimi hanno paura addirittura delle formiche, mentre una conoscenza un pò più approfondita fa di loro, del popolo a 6 zampe, una serie di piccoli personaggi curiosi!

La cosa che considero più importante in questo esercizio è però il messaggio scientifico: per quanto il risultato sia perfezionabile non è un caso se le ali del coleottero possono spostarsi e quelle delle farfalle sono fatte di pezzetti di stoffa :-P

sabato 16 agosto 2014

Portaorecchini veloce

Ultimamente apprezzo in modo particolare le tende in pizzo, i centrini all'uncinetto, le fodere damascate e tutte quelle cose che fanno pensare alle case di vecchie signore bevitrici di the in salotti pieni di ninnoli, polvere e gatti.
Un modo per utilizzare i centrini è quello di esporli tendendoli con un anello da ricamo e sfruttare i fori della lavorazione per appendere gli orecchini: semplicissimo!


sabato 7 giugno 2014

Ancora ricicli in una borsa piatta...

Nel mio grande archivio di riciclo tessuti ci sono anche dei pezzi di campionario, la maggiorparte dei quali va dai 10 anni di età in su. Con un pezzo di gabardine color sabbia ho riprodotto il borsellino ma sottoforma di borsa piatta, le cui dimensioni sono più o meno quelle di un foglio A4.
La tracolla è come sempre una mia vecchia cintura :-D, la cerniera è il recupero di questo cardigan, il bottone viene dalla mia collezione di recuperi e per la precisione da un cardigan di lana.
La prossima fase sarà farne una simile ma della dimensione del portatile che possa trasformarsi in uno zainetto (come diceva la mia insegnante di inglese <<puntate in alto!!!>> e infatti l'inglese non l'ho mai imparato.... :-DDDD)

giovedì 5 giugno 2014

Riciclo: di nuovo borse!

Recuperando tutti i vecchi ricicli ho capito una cosa: per imparare a cucire bene bisogna fare pratica!
Infatti, confrontando le prime borse fatte ho notato le differenze con l'ultimo periodo e non è poco aver scoperto nuovi punti, l'uso dei vari piedini ( :-O) e la variazione nella larghezza dei punti. Ho ancora un sacco da imparare ma ho fatto dei bei passi!
Tra le tante borse cucite alla buona ne ho trovato una con esterno tessuto di un mio vecchio jeans e interno pantaloni estivi a fiori in cotone (gli stessi di questa piccola borsina), e mi sembrava un peccato non riprenderla. Con calma ho scucito, stirato, tagliato e ricucito. Proprio l'uso del ferro da stiro da risultati più precisi e permette anche di evitare di imbastire (ma qualche spillo è sempre utile!!).
Il risultato è questo:


martedì 20 maggio 2014

Riciclando stoffe: borsellino

Dopo quasi un anno di onorato servizio il mio mini-borsellino a misura di carta d'identità sta un pò cedendo... E siccome il modo per avere buoni risultati è sempre quello di partire da una necessità di base ne ho fatto uno nuovo, semplice, sempre utilizzando piccoli pezzi di tessuto di riciclo e sempre a misura di carta d'identità :-D
Il modello con le istruzioni lo trovate su http://www.noodle-head.com, io ho solo aggiunto una taschina interna e usato un semplice bottone anzichè quello a pressione.

Il fatto che sia semplice da fare tra l'altro è anche un buon modo per riprendere il cucito quando è un pò che non pratichi... che dire?

Buon Cucito!

giovedì 8 maggio 2014

Riciclando i jeans: piccole cose per casa

Il tessuto dei jeans mi piace sopratutto perchè è resistente e "consistente". Questo lo rende adatto, dopo la dismissione dei pantaloni, ad essere riciclato per piccole cose utili che hanno bisogno di tessuti un pò rigidi per rendere bene. Così ecco due cestini e due presine (non so voi ma io le brucio di continuo..) nuovi da tessuti vecchi ;-D

venerdì 18 aprile 2014

Ogni cosa al suo posto: riordinare con disordine

Per riordinare il piano della lavatrice, che come ogni piano della casa funge da appoggio per la miriade di cose, ma senza forzare una sistemazione maniacale (che lo so non regge più di una mezz'ora..) ho recuperato un pò di ritagli di stoffa: vecchi pantaloni, rettangoli di tessuti vari e una gruccia da lavanderia in filo di ferro. Il risultato è la sagoma con le tasche -alcune già pronte- che ho appeso a fianco allo specchio.
Ho messo creme, deodoranti, spazzola e asciugacapelli nelle tasche e ho liberato la lavatrice che, lo so, si riempirà a breve di altre cose :-DDD